Stampa questa pagina

La Grecia salentina

Un territorio molto suggestivo è la Grecia Salentina. L'identità di questa terra è caratterizzata da una lingua, il "griko", che era un tempo, la lingua del popolo.

Con la scolarizzazione obbligatoria introdotta nell'unità d'Italia, iniziò il declino di tale lingua; tuttavia oggi è tutelata da una legge sulle minoranze linguistiche. 

La Grecia Salentina comprende 11 comuni della provincia di Lecce:

Calimera comprende circa 7 mila abitanti ed è la sede dell'Unione dei comuni della Grecia Salentina. Il significato del suo nome in griko è "buongiorno". In piazza del Sole è situata la chiesa madre dedicata a San Brizio. La città di Calimera fonda la sua cultura sulla religione e sulle leggende. Sulla via per Martano è situata la cappella di San Vito mentre verso via Montinari è possibile visitare la cappella di S. Antonio.


Carpignano Salentino risulta impossibile non notare immediatamente l'imponente palazzo Chironi della fine dell'Ottocento. Proseguendo verso piazzetta Duca d'Aosta attraverso via Roma è possibile ammirare il palazzo Ducale e la chiesa madre dedicata a Maria SS. Assunta.


Castrignano dei Greci conserva ancora oggi alcune delle antiche abitudini della civiltà greca. Infatti la gente del posto parla una sorta di dialetto greco. E' possibile ammirare la cripta bizantina di Sant’Onofrio, il castello costruito in pietra leccese e la chiesa dell’Annunziata.


Corigliano d’Otranto, nella chiesa di San Nicola, è presente un mosaico dell’albero della vita, il quale richiama quello presente nella cattedrale di Otranto, mentre il campanile è abbastanza simile a quello di Soleto. Assolutamente da non perdere sono la Torre dell’Orologio e la meravigliosa facciata di palazzo Comi. Ma Corigliano d’Otranto è famosa soprattutto per il suo castello medievale: Castello De Monti. Il suo impianto è tipico aragonese, mentre la sua facciata comprende rilievi e sculture realizzate in stile Barocco.


Cutrofiano è un centro noto soprattutto per la lavorazione della terracotta. E' possibile visitare la Chiesa Matrice dedicata alla Madonna della Neve, l'elegante Chiesa dell'Immacolata e Palazzo Filomarini nel quale si svolgono numerose mostre d'arte.


Si dice che Martano sia stata fondata dal centurione romano Marzio ma, a seguito della caduta dell’Impero Romano, fu sotto la dominazione dei greci, dai quali Martano ereditò usi e costumi, alcuni dei quali ancora presenti. Da ammirare è il Castello Aragonese, del quale è possibile ancora vedere le sei torri e le mura. La chiesa parrocchiale di Martano è dedicata alla Vergine. Sono presenti, inoltre, il monastero dei Cistercensi, la cappella del Carmine e la cappella dell’Immacolata.


Martignano è considerato il comune più piccolo di tutta la Grecia Salentina. E' possibile ammirare la chiesa di S. Francesco i cui altari sono realizzati in stile Rococò. Poi sono presenti altri monumenti come la Cappella di San Giovanni, il convento dei Frati Francescani e Palazzo Palmieri, il cui giardino situato sul retro è divenuto parco pubblico.


Melpignano si trova il convento degli Agostiniani, considerato uno dei più importanti monumenti in stile barocco situati a Sud di Lecce. E' presente anche Piazza San Giorgio, ovvero la piazza principale della città, il cui stile è inconfondibile in quanto la piazza è costituita da portici con volte a botte circolari. Di fronte ad essa s'impone la bellissima Chiesa di San Giorgio. Non molto lontano è possibile raggiungere il parco della Pace dedicato al divertimento dei bambini.


Soleto è famosa principalmente per la Guglia di Raimondello, ovvero il campanile della chiesa dedicata a Santa Maria Assunta. E' possibile anche ammirare la cappella di Santo Stefano la cui facciata è stata realizzata in pietra leccese.


Sternatia è una città che ha ben conservato testimonianze storico-artistiche. Nel centro storico è possibile ammirare un pregevole esempio di architettura civile, ovvero palazzo Granafei. Nel centro della piazza è presente un vecchio ulivo il quale sembra che custodisca il segreto del paese.


Zollino conserva ancora molti edifici e testimonianze storiche. Si narra che venne fondata dalla gente di Soleto perché il suo stemma regge un sole come in quello di Soleto. Molto affascinante è la chiesa matrice dedicata ai SS Pietro e Paolo il cui impianto è medievale, ma è stato ristrutturato nel '700.

Ti potrebbero interessare anche