Ottobre 22, 2019
Booking.com

I grandi vini rossi del Salento

Nel 2013 la Puglia è stata inserita tra le dieci "top wine destination nel mondo". E a ben dire, visto che la cultura enologica autoctona, è letteralmente rinata negli ultimi trent'anni, con la riscoperta di vitigni solitamente utilizzati per tagliare vini di alta caratura.

Grazie a un intenso lavoro di valorizzazione del territorio e delle sue ricchezze, dagli anni '80 a oggi, vitigni come il Negroamaro, o Negramaro, e il Primitivo sono riusciti a diventare etichette omonime di vini in purezza degni di nota. Il turista appassionato di enogastronomia che arriva in Puglia, può affidarsi alla competenza e ai suggerimenti, del Movimento Turismo del Vino Puglia, ente privato che rilascia un certificato di qualità solo alle cantine che rispettano rigorosamente gli standard del disciplinare.

Il movimento è nato per tutelare proprio la genuinità dei vitigni autoctoni, e non solo, oltre a garantire un'accoglienza turistica legata al vino capace di valorizzare al massimo il lavoro dei produttori locali. Manduria, la porta settentrionale del Salento, è la zona di produzione dell'omonimo Primitivo. Il Primitivo di Manduria ha il riconoscimento DOC dal 1974, sebbene sia prodotto anche nei territori di Lecce e Bari. Si tratta di un rosso in purezza, dai sentori speziati e di un intenso colore rosso rubino.

È prodotto in quattro versioni: da pasto, dolce naturale, e invecchiato due anni nella variante liquorosa dolce naturale e secca. Il nome di questo vitigno autoctono è dovuto al fatto che le uve tendono a maturare prima delle altre, godendo degli influssi del vento che arriva dallo Jonio. La varietà, probabilmente di origine balcanica, fu isolata nel XVIII secolo a Gioia del Colle e oggi dà vita a una delle migliori eccellenze enologiche italiane, salvaguardata dal Consorzio di tutela Primitivo di Manduria DOC.

In Puglia, l'enoturista non deve mancare di assaggiare anche un ottimo bicchiere di Negroamaro. È conosciuto con tanti nomi diversi, ma il vero Negroamaro si produce in ventisei comuni nelle province di Lecce e Brindisi. Due hanno il riconoscimento DOC: Squinzano e Salice Salentino. Le uve, del vitigno omonimo, hanno una maturazione tardiva e dai loro frutti si produce un vino corposo, dal tipico gusto amarognolo, che si sposa perfettamente con le ricette tipiche della tradizione pugliese, come lo spezzatino di cavallo e le frattaglie.

Newsletter

Sempre informati sulle ultime novità, sulle offerte, sugli eventi, su tutte le iniziative e molto altro ancora.

Tweets

Autentici #borghi con un fascino senza tempo #edenpuglia https://t.co/meWUmbaH6i
Una #Puglia sconosciuta e affascinante, vi aspetta per iniziare un tour emozionante, alla scoperta del periodo medi… https://t.co/ndnghB1F2M
Gravina di Puglia è una delle località nel cuore della #Puglia, che racchiude in seno tesori inesplorati e affascin… https://t.co/i4V3Dkflds
Segui Eden Puglia su Twitter

Post Gallery

Posti da visitare vicino Otranto

Posti da visitare vicino Lecce   

Vacanze in Puglia al mare, dove andare

La Cattedrale di Foggia

Il Duomo di Otranto e i suoi segreti

I Messapi: i primi “salentini” della storia

Il Castello di Taranto, un guardiano della storia

Visitare Accadia, cosa vedere e cosa fare

Visitare Apricena, cosa vedere e cosa fare