Stampa questa pagina

Immersioni nel Gargano

A 22 km a nord dal promontorio del Gargano, appartenenti alla Provincia di Foggia amministrativamente e quindi alla Regione Puglia, si trovano le Isole Tremiti, costituenti un unico comune ma comprendenti l'Isola di Capraia, l'Isola di San Nicola e l'Isola di San Domino oltre che altri isolotti come Pianosa e Cretaccio.

Questo arcipelago è parte del Parco Nazionale del Gargano, che è un'area naturale protetta dal 1991 e più in particolare le Isole Tremiti costituiscono una riserva marina protetta a sè. La tutela del paesaggio, tanto di quello terrestre che di quello marino, grazie a politiche di valorizzazione e protezione dello stesso, hanno fatto sì che lo straordinario scenario ambientale venisse preservato e valorizzato negli anni, sottraendolo quindi ad uno sfruttamento turistico intensivo e potenzialmente distruttivo.

Le attività sportivo-turistiche praticabili sono comunque diverse e tutte, in ogni caso, svolte nel pieno rispetto del fragile ecosistema presente. Tra queste il diving, attira ogni anno migliaia di appassionati e promette di avere un'esperienza indimenticabile, grazie alle immersioni guidate con i subacquei professionisti della zona.

isola san domino

Numerose sono le scuole e le associazioni che permettono di noleggiare l'attrezzatura per quote giornaliere o settimanali, ma che possono anche semplicemente fare da guida e condurre sui luoghi di maggiore interesse, per chi invece ha già con sè l'occorrente per immergersi in tutta sicurezza. Il promontorio del Gargano in primis, frastagliato e roccioso in prevalenza ma con litorali sabbiosi di rara bellezza a intermittenza che rendono questo tratto di costa accessibile anche per le immersioni via terra.

Questo specchio di mare, insignito ogni anno del prestigioso riconoscimento della bandiera blu, presenta un patrimonio floristico e faunistico davvero sorprendente, che nulla ha da invidiare alle località di fama internazionale più prestigiose. Ben 23 tipologie di percorsi guidati possibili, a disposizione dei sub che desiderano immergersi in queste acque trasparenti e profonde, per soddisfare ogni tipo di esigenza e curiosità ed apprezzare fino in fondo tutto lo spettacolo marino presente su questi fondali. A detta degli esperti, le immersioni in questi luoghi sono il vero paradiso dei sub ed annoverate sicuramente tra le più belle ed affascinanti dell'intero bacino del Mediterraneo.

Questo grazie alla molteplicità di ecosistemi presenti, che a causa della caratteristica conformazione delle pareti rocciose, di natura carsica, ha consentito di dare ospitalità permanente a numerose specie vegetali e animali. Punta Secca, Punta di Cala dei Turchi, Caprara, lo Scoglio del Corvo e Secca della Vedova, sono solo alcuni tra i più interessanti punti di immersione ma ancora, la Secca del Ferraio e le Rondinelle a San Domino, regalano emozioni che difficilmente potranno essere dimenticate una volta tornati in superficie.

isole tremiti san nicola

Banchi di pesce passano facilmente davanti agli occhi dei visitatori, nuotando indisturbati e quasi indifferenti alla presenza degli umani, ricciole, palamiti e tonni sono piuttosto numerosi. La flora avvolge le volte e le entrate delle splendide grotte, molto numerose in questa zona e non è difficile incontrare crostacei di grosse dimensioni come le aragoste che escono dagli anfratti. Le formazioni coralline sono incredibilmente vaste e multiformi, sia per quanto riguarda il corallo nero che quello arancione, intervallati da Gorgonie e alghe di basso fusto. La forte corrente marina, che caratterizza i mari delle isole e del promontorio, crea l'habitat ideale per questi pesci stanziali ma attira soprattutto pesce pelagico che scopre qui un luogo sicuro dove rifocillarsi e trovare ristoro. 

Così, ad esempio, lungo le pareti rocciose della Caprara, tra le folte Gorgonie ed i tappeti di Alcionari mediterranei, si nascondono numerose specie di saraghi e occhiate e alle profondità più elevate anche i dentici, ormai sempre più rari nelle altre zone del Mediterraneo. Colpiscono proprio le profondità di questi fondali, che di colpo raggiungono i centinaia di metri, solo spostandosi di baia in baia e questo rende l'ambiente adatto prevalentemente ai professionisti più esperti, che riescono a gestire le caratteristiche di questo tipo di immersioni. Le scuole e i centri specializzati tuttavia, sono a disposizione per lezioni e corsi per chi si avvicina per la prima volta a questo sport.

Questo è il modo più sicuro di affrontare un'esperienza unica come il diving nel Gargano e nelle Tremiti e di sicuro iniziare da qui, farà in modo che la passione per questa attività diverrà travolgente. I maestosi fondali e le pareti rocciose sommerse, regalano gioie indimenticabili, che fanno sì che chi si presenta da neofita, con un approccio dubbioso, poi non rimanga mai deluso e anzi si appassioni al mondo delle immersioni.

diving tremiti

La competenza, la professionalità degli operatori e la qualità delle attrezzature utilizzate dai centri presenti nelle cittadine di Vieste, Peschici oltre che sulle isole, rendono il diving uno sport sicuro, a patto che vengano osservate dagli avventori tutte le regole fondamentali, anche quelle istituite nel rispetto della conservazione della insuperabile bellezza del Parco Nazionale del Gargano e dell'area marina protetta.

Ti potrebbero interessare anche