Marzo 26, 2019

San Menaio e Baia di Calenella

San Menaio è una frazione di Vico del Gargano (sorge a sei chilometri di distanza in direzione nord), in provincia di Foggia.

Piccolo centro balneare e marino scarsamente abitato (ha solo 193 abitanti), si trova all'interno del Parco Nazionale del Gargano, sulla costa settentrionale del promontorio.  Nonostante le sue piccole dimensioni è un centro turistico frequentato e da qui si possono facilmente raggiungere Peschici e Rodi Garganico (distante 5 chilometri appena). 

San Menaio è diventato famoso agli inizi del Novecento, quando Nicola Serena di Lapigio ne descrisse nelle sue opere le bellezze naturali del paese. La località balneare è raggiungibile attraverso le folte pinete e gli aranceti che circondano alle spalle il borgo. La posizione di San Menaio (stretto tra il fianco del promontorio del Gargano a sud e l'Adriatico a nord) permette la nascita di due brevi torrenti stagionali, che attraversano il paese. Il territorio si sviluppa per 3 chilometri di lunghezza sulla costa e per 900 metri di larghezza e si caratterizza per la presenza di colline, degradanti nelle vicinanze dell'abitato. 

Più ci si allontana verso est e più il territorio diventa aspro; al contrario, proseguendo verso oriente, diventa pianeggiante fino a raggiungere la piana di Calenella. Il paese si è sviluppato intorno all'antica torre medioevale ed è circondato da boschi di pini d'Aleppo (la più famosa è la Pineta Marzini, tramite cui si raggiunge il paese e che si estende tra il paese di San Menaio e la Piana di Calenella).

Le pinete si estendono fin dentro il centro abitato, raggiungendo il litorale di sabbia finissima. Il fondale marino davanti alla spiaggia è poco profondo, mentre risulta sabbioso e pianeggiante davanti a tutta la costa. Le uniche eccezioni sono i luoghi del litorale dove si aprono scogliere modeste (contrada Murge Nere) oppure piccole falesie (spiagge del Sospetto e delle Tufare, contrada Valazzo). Il centro di balneazione è famoso in tutto il mondo per la limpidezza delle acque prospicienti il tratto di costa: per questo ogni anno vi si reca un gran numero di turisti.

La spiaggia attrezzata con strutture e servizi di ogni sorta, fatto che ha avuto una grande rilevanza nel far conoscere il promontorio del Gargano nel settore del turismo nazionale ed internazionale. Infatti, fin dagli anni Cinquanta, le spiagge di San Menaio ed il turismo balneare sono le basi dell’economia locale, a cui si aggiungono la fiorente attività agricola e un olio extravergine di oliva davvero straordinario (prodotti che supportano gli eccellenti itinerari enogastronomici).

A San Menaio esistono quattro spiagge dalla sabbia molto chiara (color dorato chiaro) e particolarmente fine. Le spiagge, tutte rivolte in direzione nord e nord-ovest, sono la spiaggia di San Menaio, la spiaggia dei Cento Scalini, la spiaggia di Calenella e la spiaggia della Murgia della Madonna. La spiaggia di San Menaio si estende dalle Murge Nere fino a Rodi Garganico, per due chilometri e mezzo: il litorale si estende su tutta la frazione di Murge Nere, l'oasi agrumaria fino a raggiungere la foce del torrente Punta Molino.

Ospita numerose strutture ricettive e stabilimenti balneari. La spiaggia dei Cento Scalini, invece, prende il nome dal fatto di essere raggiungibile tramite un sentiero di cento scalini. Inoltre, si può raggiungere a piedi anche dalla spiaggia di San Menaio. È anche chiamata spiaggia delle Tufare o spiaggia del Sopsetto e si caratterizza per l'abbondante vegetazione (che circonda la spiaggia e si estende fino alle dune di sabbia) e per uno sperone di roccia bianca(ripara al contempo la spiaggia dai venti meridionali). Si estende per 970 metri ed è il punto di partenza per un itinerario panoramico tramite il sentiero che passa attraverso la Pineta Marzini.

La spiaggia di Calenella, invece, è un lido largo 50 metri per 950 metri di lunghezza. Il suo nome deriva dal fatto di estendersi sulla piana omonima, tra la Pineta Marzini e la torre medievale di Monte Pucci. L'area si caratterizza per gli ipogei paleocristiani di Monte Pucci (usati anticamente come necropoli e luoghi di culto) e per numerose ed attrezzate strutture ricettive all'interno delle pinete ed immerse nella vegetazione. Tra queste strutture si trova Baia Calenella, attrezzato e piacevole campeggio, che sorge a pochi passi dalla splendida spiaggia.

Il Villaggio Baia Calenella, infatti, si trova ai piedi della torre di Monte Pucci, all'interno di una meravigliosa insenatura vicino alla Baia di Peschici. Tra i punti di forza del campeggio vi sono il mare poco profondo (ideale per bambini e bagnanti), la spiaggia attrezzata e gestita in modo attento e discreto dal personale. Il campeggio mette a disposizione degli ospiti appartamenti, bungalow e case mobili, piazzole campeggio con ottimi servizi comuni, per un soggiorno molto tranquillo e confortevole. Inoltre, sono presenti un parco giochi, un bar, un market e il ristorante con vista sul mare.

Newsletter

Sempre informati sulle ultime novità, sulle offerte, sugli eventi, su tutte le iniziative e molto altro ancora.

Tweets

Alberobello, in provincia di Bari, deve le sue fortune ai trulli, e dal 1996 è considerato Patrimonio dell'Umanità… https://t.co/I4gq4cDpvf
Gravina di Puglia è una delle località nel cuore della Puglia, che racchiude in seno tesori inesplorati e affascina… https://t.co/GJExpL43e4
La storia del #barocco a #Lecce affonda le sue origini tra il XVII e il XVIII secolo, in pieno periodo della Contro… https://t.co/mgAZx6fPMS
Segui Eden Puglia su Twitter

Post Gallery

La Cattedrale di Foggia

Il Duomo di Otranto e i suoi segreti

I Messapi: i primi “salentini” della storia

Il Castello di Taranto, un guardiano della storia

Visitare Accadia

Apricena

Visitare Ascoli Satriano

Biccari e Alberona

Visitare Bovino, cosa vedere e cosa fare