Dicembre 09, 2019
Booking.com

Visitare Sant'Agata di Puglia, cosa vedere e cosa fare

Sant’Agata di Puglia è un paesino di origine medievale, ubicato sui monti Dauni,  dal quale è possibile ammirare, una suggestivo panorama del Tavoliere pugliese. 

Nonostante sia una località poco conosciuta, soprattutto se paragonata ad altre zone più rinomate di questa regione, vale davvero la pena programmare una visita in questo borgo, per scoprirne i tesori nascosti. Sant’Agata di Puglia, come gran parte delle località pugliesi, ha subito varie dominazioni nei secoli scorsi,  tra le quali quella sveva, angioina ed aragonese, e ognuna di esse,  ha lasciato un segno indelebile nella storia e nell’architettura di questo piccolo borgo. Primo fra tutti il Castello ed è proprio da qui che inizia la passeggiata alla scoperta di Sant’Agata.

sant'agata di puglia

sant'agata di puglia

sant'agata di puglia

Il Castello domina non solo il centro abitato, ma anche tutta la zona circostante. Si trova a poco meno di 800 metri sul mare ed è caratterizzato da una pianta rettangolare circondato da una cinta muraria, la più antica, costruita dai Longobardi e rafforzata dagli Svevi e dagli Angioini. Una seconda cinta muraria, invece, proteggeva la cittadella. La posizione del Castello era veramente strategica in quanto dominava, come tutt’ora del resto, una vasta porzione di territorio. 

castello sant'agata di puglia
Le due cinte murarie sono ancora ben conservate anche se alcuni tratti, nel tempo, sono stati inglobati nelle costruzioni successive. Ad esempio, la Torre dei Pronzi, vicino alla porta del Perillo, si trova ora incorporata in un edificio di Via Alfieri ed è stata modificata per costruire l’edificio stesso.

Molti sono gli esempi analoghi e possono essere individuati ponendo attenzione agli edifici che si trovano lungo le antiche mura che circondavano il centro abitato. La struttura urbanistica di Sant’Agata è tipicamente medievale e presenta architetture civili e religiose di notevole pregio. La Chiesa di San Nicola, dedicata a San Nicola di Mira, nel corso dei secoli ha subito diversi restauri, ampliamenti e modifiche e dal 1500 divenne la Chiesa Madre della cittadina. Vale la pena soffermarsi sui particolari in essa presente, come l’organo, gli stalli del coro, gli altari di marmo ed altri piccoli tesori in essa contenuti.

cattedrale san nicola

cattedrale san nicola

Al termine della visita, passeggiando tra la vecchia piazza del centro storico e la Chiesa di San Nicola è possibile notare Palazzo de Marinis, risalente alla fine del 1500, sul quale spicca il bellissimo portale e Palazzo Vinciguerra, del 1700, costruito su vecchie abitazioni ricavate nella roccia. Sono alcuni esempi dei vari palazzi nobiliari che si trovano a Sant’Agata e che si incontrano girovagando tra le sue vie.

vicoli

Così come Palazzo Barbato anch’esso costruito proprio sulle grotte che caratterizzano la montagna su cui sorge la cittadina e si trova lungo l’omonimo corso. Le grotte furono da sempre usate come cantine. Nelle immediate vicinanze, tra corso Barbato e via Garibaldi, si trova Palazzo Torraca-Rosati, del XVIII secolo. Tutti questi edifici presentano, sul loro ingresso principale, gli emblemi delle famiglie di appartenenza e potrebbe essere interessante osservarne i particolari e le differenze. L'unicità di San’Agata è testimoniata anche dal fatto che il Touring Club ha insignito questo piccolo comune della "Bandiera Arancione", marchio di qualità turistico-ambientale.

Motivo in più per visitarlo. Anche a Sant’Agata, come su tutto il territorio pugliese, i buongustai avranno l’opportunità di assaporare i prodotti tipici locali sia nei ristoranti del posto, sia durante le feste e le sagre. Una di queste si svolge proprio nel periodo estivo, alla vigilia di ferragosto, ed è il momento più adatto per immergersi tra i sapori, gli odori e la musica di queste terre. 

I dolci tipici di Sant’Agata sono le "ciccecuotte", preparate il primo novembre, in occasione delle celebrazioni per i defunti e, sempre in questo periodo, si svolge la sagra ad esse dedicata. Insomma, San’Agata di Puglia può rivelarsi un luogo davvero ricco di sorprese, tutte da scoprire in una vacanza all’insegna della cultura, della natura e del buon cibo.

Newsletter

Sempre informati sulle ultime novità, sulle offerte, sugli eventi, su tutte le iniziative e molto altro ancora.

Tweets

Autentici #borghi con un fascino senza tempo #edenpuglia https://t.co/meWUmbaH6i
Una #Puglia sconosciuta e affascinante, vi aspetta per iniziare un tour emozionante, alla scoperta del periodo medi… https://t.co/ndnghB1F2M
Gravina di Puglia è una delle località nel cuore della #Puglia, che racchiude in seno tesori inesplorati e affascin… https://t.co/i4V3Dkflds
Segui Eden Puglia su Twitter

Post Gallery

Posti da visitare vicino Otranto

Posti da visitare vicino Lecce   

Vacanze in Puglia al mare, dove andare

La Cattedrale di Foggia

Il Duomo di Otranto e i suoi segreti

I Messapi: i primi “salentini” della storia

Il Castello aragonese di Taranto, un guardiano della storia

Visitare Accadia, cosa vedere e cosa fare

Visitare Apricena, cosa vedere e cosa fare