Scoprire il Salento

Booking.com

Visitare Tricase, cosa vedere e cosa fare

tricase Tricase

 Tricase, situata in provincia di Lecce, sorge nel basso Salento, a due passi dal mare, ed è soprannominata la terra dei cinque castelli. Un territorio per lo più pianeggiante, costituito dalle caratteristiche sabbie gialle argillose da cui vengono realizzate delle vere e proprie opere d'arte in terracotta. Il suggestivo litorale si caratterizza per la presenza di numerose grotte calcaree ed insenature, che rendono Tricase ancora più interessante dal punto di vista naturalistico. Inoltre, la località fa parte del Parco di Costa Otranto, al quale appartengono anche Santa Maria di Leuca e il Bosco di Tricase.

In un luogo così ricco di fascino diversi sono gli itinerari naturalistici dal forte impatto paesaggistico. Una delle aree più rilevanti è rappresentata dal Boschetto di Tricase, luogo che si affaccia direttamente sul mare, e che al suo interno sono presenti querce vallonee secolari. Tra gli esemplari più suggestivi, c'è la Quercia dei Cento Cavalieri, esistente dal XIV secolo e situata a due passi dalla strada che conduce verso Tricase Porto. Molto carino è anche il Canale del Rio, un'insenatura naturale di fronte a Marina Serra le cui pareti cadono quasi a strapiombo sul mare.

Da segnalare anche il collegamento tra Marina Serra e il promontorio del Calino. Un sentiero emozionante tra varie specie vegetali, pendii più o meno lievi, campi seminati, pini d'Aleppo, lecci, terebinti e querce vallonee. 
Tricase è nota grazie alla presenza di diversi castelli che denotano le sue antiche tradizioni storiche. Il più importante è il castello dei Principi Gallone, costruito oltre quattro secoli fa e comprendente una torre, un torrione e il corpo della struttura. Al suo interno, ecco la cosiddetta Torre della Fame, nella quale un tempo venivano posti i prigionieri.

Molto rilevante è anche il castello di Lucugnano, realizzato nel Cinquecento e donato dal conte Goffredo ai monaci bizantini. Oggi rimane dell''edificio originario soltanto la torre. Col passare dei secoli, la parte interna ha subito diverse trasformazioni ed è attualmente formata da un totale di 22 stanze.

Il terzo dei cinque castelli di Tricase è il castello di Tutino, oggi gestito dalla famiglia Caputo, un tempo ideale per difendere la città dagli attacchi esterni. Edificata nel 1850, la struttura era costituita da ben nove torri, ma quattro sono crollate col passare dei decenni. Il castello è circondato da un fossato, oggi rimasto vuoto.

Il quarto castello è il castello di Caprarica, di proprietà dei Bentivoglio e creato poco meno di mezzo millennio fa. La sua conformazione è quadrata, le mura sono imponenti, alte sette metri e larghe un metro e mezzo. Un tempo il castello era circondato da un fossato, sovrastato da un ponte levatoio ed è stato realizzato in carparo giallastro. L'ultimo è il castello di Depressa, popolato dalla famiglia belga dei baroni Winspeare.

Fu proprio Antonio, uno degli antenati di questa stirpe, a restaurare l'edificio, che delle origini ha mantenuto il loggiato e la coppia di torri quadrate. Oggi si caratterizza anche per la presenza di un porticato e della scala centrale.

Booking.com

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Accettando accederai a un servizio fornito da una terza parte esterna a https://www.edenpuglia.com/

Newsletter

Accetto Informativa sulla privacy